Come risolvere l’insonnia nelle vacanze

tenda

Chi soffre di insonnia conosce bene quali siano gli effetti negativi di questo disturbo: stanchezza e irritabilità diurna e notturna costituiscono la punta di un iceberg che è bene cercare di limitare, e che – secondo un gruppo di ricercatori americani – potrebbe essere arginata proprio durante le vacanze estive grazie a una particolare tecnica di correzione.

Secondo quanto scoperto da un team di ricercatori dell’Università del Colorado, infatti, l’esposizione alla luce naturale dell’alba e del tramonto aiuterebbe a sincronizzare l’orologio biologico interno all’organismo umano, favorendo una migliore fase di addormentamento e di sonno. Secondo lo studio (pubblicato sull’ultimo numero del Current Biology), in altri termini, la luce naturale riequilibrerebbe il nostro orologio biologico in maniera sicuramente migliore di quanto non possa fare la luce artificiale.

Gli studiosi hanno sottoposto un campione di 8 individui adulti all’alternanza della luce naturale grazie a una settimana trascorsa in una tenda posizionata all’interno di un campeggio, senza alcuna altra fonte di illuminazione se non quella del sole e del fuoco da bivacco. Confrontando le osservazioni di tale campione con quello di un altro campione di individui sottoposti a luce artificiale, i ricercatori hanno scoperto che costoro riescono ad accumulare ben 2 ore di ritardo sull’orologio biologico. A dimostrarlo sono stati i livelli di melatonina, l’ormone che regola i cicli sonno-veglia e i cui livelli in genere aumentano proprio durante la notte (ma che in caso di esposizione alla luce artificiale diminuiscono solamente 2 ore dopo il risveglio).

Ebbene, dopo appena una settimana di campeggio, e nonostante l’invariabilità sostanziale delle ore di riposo, l’orologio biologico riesce a risincronizzarsi correttamente, e i livelli di melatonina diminuiscono durante l’ultima ora di sonno, permettendo quindi di sentirsi più attivi già dalle prime ore della mattinata.
Non solo: secondo quanto emerge dallo studio, ad ottenere i maggiori benefici sarebbero coloro che hanno dichiarato di avere difficoltà ad addormentarsi: ben difficile, tuttavia, che la soluzione per coloro che soffrono di tale problema sia semplicemente quello di attraversare una settimana in tenda! Meglio piuttosto organizzarsi per poter “ricevere” la luce naturale nei propri ambienti domestici, ed uscire all’esterno per poter “vivere” con l’alternanza della luce e del buio.

Valeriana e prodotti con ingredienti naturali
Melissa + Valeriana

La Commissione E e l’Organizzazione Mondiale della Sanità riconoscono l’efficacia della valeriana nella cura dell’agitazione nervosa e degli stati d’ansia nonché i disturbi del sonno che ne derivano.

 

Lascia un commento