Attivato nuovo numero verde per l’Ebola

ebola

Da qualche giorno il Ministero della Salute ha attivato il numero di pubblica utilità 1500 per poter rispondere in modo puntuale ai principali quesiti sull’epidemia del virus Ebola. Il servizio è attivo dalle ore 9 alle ore 18, compresi sabato, domenica e festivi, con due livelli di risposta.

Il primo – indica il Ministero – è costituito da circa 40 operatori che risponderanno a tutti i quesiti base dei cittadini. Il secondo è invece costituito da 60 professionisti sanitari tra medici, veterinari, chimici e farmacisti, i quali risponderanno a domande di carattere tecnico-scientifico.

ebola

Leggi anche: Ebola, continuano le ricerche in Guinea

In merito, il Ministro Beatrice Lorenzin ha dichiarato che “abbiamo formato appositamente il personale che risponde al 1500 per dare tutte le informazioni che saranno richieste dai cittadini sul virus Ebola. Colgo l’occasione per ribadire che in Italia finora non ci sono stati casi di Ebola, neanche di importazione e che comunque tutte le procedure necessarie per affrontare eventuali criticità che dovessero presentarsi sono state da tempo attivate. Monitoriamo costantemente la situazione e ribadisco che attualmente qualsiasi allarmismo è ingiustificato”.

Leggi anche: Ebola, altri morti, contagio senza precedenti

ebola

In proposito, ricordiamo altresì che lo stesso Ministro lo scorso 29 ottobre ha risposto a un question time su Ebola e sull’eventuale diffusione, sottolineando come tale occasione fosse utile “non fare allarmismo e dare una corretta informazione in un’Aula così autorevole e di fronte al Paese. Ad oggi come voi sapete sono pervenute al Ministero della salute diverse segnalazioni di casi sospetti, che però sono state tutte gestite secondo i protocolli previsti dalle circolari ministeriali emanate sull’argomento e tutti i casi sospetti hanno avuto esito negativo e anche per quanto riguarda la questione di Vicenza si stanno applicando i protocolli internazionali e per i militari di Vicenza vale esattamente quello che vale per i cooperatori italiani”.

Per qualsiasi dubbio e informazione, pertanto, contattate senza indugio il numero 1500.

Lascia un commento